Richiesta visione fascicolo

Richiesta visione fascicolo

Tramite questa sezione è possibile effettuare la richiesta di visione fascicolo.
Per consentire all'Ufficio di trattare la richiesta è necessario prestare il proprio consenso al trattamento dei dati personali, selezionando l'apposita cartella.
I campi contrassegnati con l'asterisco (*) sono obbligatori.

NOTA BENE: Si consiglia di utilizzare un indirizzo email tradizionale e NON un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC), in quanto la richiesta online è generata da un sistema automatico. Nel caso si utilizzi un indirizzo di posta elettronica certificata (PEC), accertarsi preventivamente che tale indirizzo sia abilitato a ricevere posta non certificata.

FASE 1: RICHIESTA VISIONE FASCICOLO D'UFFICIO

Compilare il modulo sottostante
Tipologia di procedimento
* Richiedente
* Cognome
* Nome
Telefono/Cellulare
Fax
* Email non certificata
* Numero registro generale
Fase del procedimento
Data dell'udienza
(es. gg/mm/aaaa)
da compilare solo nel caso la fase del procedimento sia pendente

Consenso al trattamento dei dati personali *
Informativa ai sensi del D.lgs. n.196/2003

"Il sottoscritto dichiara che quanto sopra è reso ai sensi dell'articolo 76, comma 1, D.P.R. n. 445/2000 con assunzione di responsabilità penale in caso di dichiarazione mendace."

FASE 2: PRESENTAZIONE RICHIESTA E CONTESTUALE RITIRO DEL FASCICOLO PRENOTATO ONLINE

All'atto del ritiro l'interessato, o un suo delegato, dovrà formalizzare la richiesta presentando:
  • la stampa della richiesta di visione fascicolo;
Se il ritiro è effettuato da persona delegata, occorre che il delegante compili la fotocopia del proprio documento di identità in corso di validità, indicando il delegato e gli estremi del suo documento di identità salvo che se il ritiro venga effettuato dall'avvocato domiciliatario.
Accessi pagine: 191,226
Utenti Connessi: 7
Codice di comportamento
dei dipendenti pubblici

Sulla Gazzetta Ufficiale n. 129 del 4/06/2013 è pubblicato il Decreto del Presidente della Repubblica n. 62 del 16/04/2013 recante codice di comportamento dei dipendenti pubblici, a norma dell'articolo 54 del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165.
Entrata in vigore 19/06/2013

La Corte d'Appello di Trento ha partecipato al progetto di "Riorganizzazione dei processi lavorativi e ottimizzazione delle risorse degli Uffici Giudiziari", finanziato nell'ambito del Programma Operativo Fondo Sociale Europeo della Provincia Autonoma di Trento 2007 – 2013.

Programma Operativo Fondo Sociale Europeo della Provincia Autonoma di Trento 2007 – 2013

Accesso ai registri di cancelleria Servizi Online 
Giudici di Pace 
SIAMM